Per notizie
e aggiornamenti
sulle attività
dell'associazione
è online il nuovo
blog degli Amici
della Scala.
2011-2012


20 novembre 2012 - Alla Scala

In omaggio all’apertura della stagione scaligera con Lohengrin di Richard Wagner, martedì 20 novembre 2012 nel Ridotto dei Palchi “A. Toscanini” del Teatro alla Scala è avvenuta la presentazione del libro



GIUSEPPE PALANTI. Belle Époque in teatro 1903/1916

di Vittoria Crespi Morbio


e delle monografie


         APPIA alla Scala                            BUSSOTTI alla Scala

     BILINSKY alla Scala                           SIRONI alla Scala


Edizioni Amici della Scala – Allemandi & C.


Nell’occasione è stato nominato Socio Onorario
Sylvano Bussotti


Il soprano Pretty Yende, accompagnata al pianoforte dal M° James Vaughan,
ha cantato arie di Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti

 

Il libro degli Amici della Scala
per la prima del 7 dicembre 2012


GIUSEPPE PALANTI. Belle Époque in teatro 1903/1916

Un secolo fa un uomo dettava la moda e rivestiva cantanti, Mata Hari e le dame della borghesia industriale: il milanese Giuseppe Palanti.
Riscoprire gli allestimenti scaligeri di Palanti fra il 1903 e il 1916, epoca della sua sfavillante egemonia, significa aprire il “nido di memorie” del mondo di ieri, ingenuo e incantevole.


Le nuove monografie degli Amici della Scala per la collana
“Gli artisti dello spettacolo alla Scala”

ADOLPHE APPIA (1862-1928)
Il ginevrino Appia, legato alla storia della scenografia del Novecento,
ha conquistato una sfera ai confini del mito: è stato uno degli scenografi più originali, un avanguardista sulla scena. Wagner è il suo mondo di elezione.

BORIS BILINSKY (1900-1948)
La parabola di Boris Bilinsky prende l'avvio con la sua fuga dall'impero russo in dissoluzione per rifugiarsi in Germania, quindi in Francia. Alla Scala Bilinsky cura scene e costumi per lo storico spettacolo Follie viennesi di Strauss.

SYLVANO BUSSOTTI (1931)
Compositore, poeta, regista, scenografo, costumista, interprete, scrittore, pittore, realizzatore di filmati e curatore di rassegne, Sylvano Bussotti incarna il concetto di “opera d'arte totale”: un risultato di singolare coerenza.

MARIO SIRONI (1885-1961)
In teatro Sironi proietta il proprio universo pittorico, alimentato dall'esperienza di illustratore e scultore: rari ed essenziali tocchi di colore, tratti fortemente espressivi, una concezione della scena grandiosa e visionaria.

CATEGORIA \ 2011-2012